Che abbia inizio la TERZA GUERRA MONDIALE.

CUJXuHMW4AAPwmG-600x320

Stati Uniti, Russia, Francia, Germania, Iran e Iraq sono i paesi 
che sono attualmente in guerra. Secondo la Carta delle Nazioni 
Unite, che richiede la partecipazione di cinque paesi per essere 
chiamata guerra mondiale.


L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) conferma l'inizio della terza guerra mondiale, siccome ci sono sei paesi in guerra, emana 
una dichiarazione ufficiale, dove ricorda che:
In base allo statuto delle Nazioni Unite questo è diventato 
l'inizio di fatto della temuta Terza Guerra Mondiale. 

Per il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite richiede la 
partecipazione dei cinque paesi per poter essere chiamata guerra 
mondiale.

E'stato il presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni 
Unite, Maiolikaité Ermesonda, che ha confermato il fatto della 
guerra contro l'organizzazione dello Stato Islamico, noto anche 
come ISIS. Il funzionario ha sottolineato che il bombardamento 
massiccio inizierà nelle prossime ore e non si concluderà prima di aver completato la sua missione.

Stati Uniti, Russia, Francia, Germania, Iran e Iraq sono i paesi 
attualmente in guerra, e sono conosciuti come i crociati dai 
Jahdisti, e hanno deciso di porre fine al gruppo terroristico 
menzionato.

Dopo i recenti attentati a Parigi, i rappresentanti di altre 
nazioni hanno dichiarato la loro posizione e sono pronti a unirsi, tra loro Italia, Spagna e Portogallo, queste ultime a rischio 
per le loro terre oltre mare " Lampedusa,Isole Canarie e Madera " 
situate vicino alle coste del continente africano e ritenute dai 
militanti "isis" facenti parte del vecchio stato Arabo.
"Che Dio salvi i nostri figli"

Max Cicero
Annunci

Avvistamento UFO nell’Arcipelago Canario.

02-guimar

Nella nottata di ieri, tra le 23:15 e le 00:05, strane luci di colorazione non corrisposta venivano avvistate dalla gente del luogo, precisamente nella zona delle piramidi di Guimar nell’isola di Tenerife, mèta turistica dell’arcipelago Canario.

Nonostante gli innumerevoli tentativi di immortalare il momento con fotocamere e cellulari, nessuno è riuscito a essere cosi rapido, infatti testimoni affermano di aver visto improvvisamente, sull’apice della piramide, posarsi una sfera di luce bianco intenso,  poi roteando su se stessa 3 volte è sparita all’orizzonte ad una velocita ipersonica, lasciando nell’aria un forte odore di uranio impoverito.

Scenziati e chimici in collaborazione con la guardia civil, sono gia sul posto per studiare l’accaduto, analizzando le tracce lasciate dall’oggetto in questione.

Ora c’è da chiedersi: Tenerife ha una base aliena ?

Sono innumerevoli gli avvistamenti oramai all’ordine del giorno da queste parti, tanto che si è fondato un club WELCOME OVNI (Benvenuto ufo).

 

 

Max Cicero

Spinelli: “Ad Atene hanno imposto un colpo di Stato postmoderno” (STEFANO CITATI)

Triskel182

Barbara-SpinelliBarbara Spinelli “Quella imposta a Tsipras è un’umiliazione profonda, da cui l’Europa esce malissimo: l’Unione è la lotta dei forti contro i deboli”.

Non siamo al Grexit ma questo accordo-capestro costringe Tsipras a un esercizio di equilibrismo pericolosissimo e impoverisce ancor più la Grecia”.  “Un’umiliazione” secondo  l’ala “critica” di Syriza…  Al di là di un dato non irrilevante, ovvero che è stato per ora evitato il Grexit, l’intesa non solo umilia profondamente Atene, ma distrugge non meno profondamente il progetto europeo. Lo Spiegel parla di “catalogo delle crudeltà”. Atene è trattata come un bambino cattivo; non è un partner uguale ma viene infantilizzata, anche nell’uso delle parole. Torna il termine “memorandum”.Ela“troika” torna a installarsi ad Atene, anche se pudicamente riceve il nome di “istituzioni”.

View original post 359 altre parole

Mega-privatizzazioni e riforme lampo per avere il prestito e il pacchetto crescita (ALBERTO D’ARGENIO)

Triskel182

Le tappeCosì si sono inasprite le condizioni imposte alla Grecia dall’Europa Dall’Iva alle pensioni, ecco il pesantissimo calendario che dovrà affrontare Tsipras nei prossimi giorni.

BRUXELLES. . La rappresaglia dei governi europei contro la Grecia di Tsipras prende forma nelle sette pagine approvate ieri dai leader dei Diciannove al termine del summit più lungo della storia dell’Unione. Diciassette ore consecutive, con epilogo alle nove di ieri mattina, che lievitano se si considera l’Eurogruppo dei ministri iniziato sabato pomeriggio. Tsipras è stato umiliato per avere bloccato i negoziati per cinque mesi, per essersi regolarmente rimangiato gli impegni, per avere convocato il referendum a tempo scaduto e schierandosi contro un compromesso che sarebbe andato incontro a diverse richieste greche. E per avert dato dei «terroristi » ai partner. La cui reazione è stata però inaspettata: già venerdì scorso Tsipras era capitolato accettando un accordo molto simile a quello bocciato dai suoi cittadini.

View original post 412 altre parole

Tagli, tasse e svendite Tsipras cede su tutto

Triskel182

TsiprasBeni per 50 miliardi in pegno alla Troika, che deciderà quanto valgono.

Cancellare la maggior parte del valore nominale del debito con una conferenza europea”; “rimborsi sui prestiti in scadenza legati alla crescita economica”; “un aiuto della Bce con acquisti di titoli di Stato”; “restituzione del prestito forzoso della Banca centrale greca durante l’occupazione nazista”; “salario minimo a 751 euro; “un piano di rilancio da 11,8 miliardi”;“niente più Troika”.  Conquestepromesse-ilfamoso “programma di Salonicco” – il 25 gennaio Alexis Tsipras vinceva le elezioni politiche.

View original post 312 altre parole

Lo scacco in tre mosse preparato da Varoufakis “Ma Alexis ha ceduto” (MATTEO PUCCIARELLI)

Triskel182

Ex ministroLa polemica. L’ex ministro ellenico contesta la strategia del premier e spiega la sua: avremmo dovuto rendere la Grexit una minaccia reale per ottenere di più.

ATENE. «Il piano B c’era, ma Alexis Tsipras ha preferito prendere un’altra strada». Erano in pochi ad aspettarsi il low profile da Yanis Varoufakis dopo le sue dimissioni da ministro delle Finanze, ma per ritrovarselo come contraltare dello stesso premier dentro Syriza si pensava ci volesse un po’ di più.
In una intervista a New Statesman , Varoufakis ha spiegato come si è consumata la frattura tra lui e Tsipras. È la notte della vittoria – inaspettata con quelle proporzione – del “no” al referendum, e l’allora ministro illustra il suo piano. Che è di attacco. Cioè mettere in atto tre misure shock per fare pressione sui partner europei. Una specie di Grexit in prova, così da convincere i creditori a tornare al tavolo:…

View original post 226 altre parole

URGENTE: BRIGADISTAS DETENIDOS

COMITÉ DE SOLIDARIDAD CON ROJAVA Y EL PUEBLO KURDO

Durante la mañana de hoy, día 6 de julio de 2015, han sido detenidos los dos brigadistas internacionales españoles a su vuelta a España tras combatir contra el fascismo del Estado Islámico en Rojava. 

Es por esto que os invitamos a participar y/o colaborar con el Comité de Solidaridad con Rojava y el pueblo kurdo en su campaña por la puesta en libertad de los brigadistas internacionales españoles que a su vuelta tras combatir contra el Estado Islámico han sido detenidos. Pidiendo así que el Gobierno español siga el ejemplo del Gobierno holandés y declare que no juzgará ni sancionará a aquellos voluntarios que vuelvan tras luchar contra el Estado Islámico

Desde el comité realizaremos un acto el viernes 10 de julio a las 18:30 en el local republicanos situado en la calle andaluces 20 posterior (metro: Miguel Hernández), en el que se tratará este tema.

Este es un momento…

View original post 70 altre parole